Il Conto Termico è un meccanismo di incentivazione, istituito con il Decreto ministeriale 28 dicembre 2012, che ha lo scopo di promuovere interventi tesi a migliorare l’efficienza energetica degli edifici già esistenti e la produzione di energia da fonti rinnovabili.

Chi può richiederlo?

Possono richiedere l’incentivo tutti i soggetti privati, intesi come persone fisiche, i soggetti titolari di reddito da impresa o reddito agrario e le Pubbliche Amministrazioni.

Come posso ottenere l'incentivo?

Sostituendo il tuo vecchio generatore di calore a basso rendimento (con potenza nominale inferiore ai 35 kW alimentato a gasolio, a gpl, a gas metano, a legna, a pellet) per il riscaldamento invernale con generatori di calore alimentati a biomassa, ad esempio a pellet, ad elevata efficienza energetica ed una ridotta emissione di polveri in atmosfera (Art. 4 comma 2, lettera b del decreto ministeriale del 28.12.2012).
Le aziende agricole, come ad esempio gli agriturismi non hanno l’obbligo di sostituire il vecchio generatore, se riportato nell’elenco indicato nel decreto all’art.4 comma 2 lettera b.

Come viene calcolato l'incentivo?

Gli incentivi sono calcolati in base alle caratteristiche del prodotto ed in particolare in funzione delle prestazioni dell’apparecchio, della quantità di polveri emesse dalla combustione e dalla zona climatica in cui verrà installato. Più il prodotto è efficiente e rispetta l’ambiente più alto sarà l’incentivo fino ad arrivare a circa il 50% del valore dell’impianto.
Le Condizioni necessarie per il mantenimento delle prestazioni nel rispetto dell’ambiente e per un risparmio economico sono: la corretta installazione, l’utilizzo di combustibile di qualità certificata e per ultimo ma non per ordine di importanza, la manutenzione programmata sia del prodotto che del condotto fumario.

Chi eroga l'incentivo?

L’incentivo viene erogato annualmente dal GSE (Gestore dei Servizi Energetici) direttamente tramite bonifico su un conto corrente indicato dal beneficiario; sono erogati in 2 rate annuali a differenza di quanto invece avviene per le agevolazioni fiscali previsti dalla Finanziaria. Con il Conto Termico non è necessario avere delle imposte da pagare sulle quali detrarre le spese dell’intervento.

Per saperne di più

Vi invitiamo a collegarvi al sito del GSE.

Scarica l'elenco per gli incentivi del conto termico per i prodotti Euroalpi